Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

AGGIORNAMENTO SULLE REGOLE DI ENTRATA IN ITALIA A SEGUITO DELLA PUBBLICAZIONE DELL’ORDINANZA DEL MINISTRO DELLA SALUTE DEL 14 LUGLIO 2020

Data:

17/07/2020


AGGIORNAMENTO SULLE REGOLE DI ENTRATA IN ITALIA A SEGUITO DELLA PUBBLICAZIONE DELL’ORDINANZA DEL MINISTRO DELLA SALUTE DEL 14 LUGLIO 2020

Sono state prorogate al 31 luglio 2020 le misure di contenimento del contagio già in vigore in Italia dal 1 luglio, nonché le disposizioni contenute nelle recenti ordinanze del Ministro della Salute, per i viaggi dei cittadini italiani all’estero e dei cittadini stranieri verso l’Italia.

Si evidenziano qui di seguito i punti essenziali delle regole attualmente in vigore

CITTADINI ITALIANI E DELL’UNIONE EUROPEA

Dal 1 luglio è consentito l’ingresso in Italia per qualsiasi ragione a tutti i cittadini italiani residenti all’estero e ai loro familiari conviventi di ogni nazionalità. Sono considerati familiari conviventi il coniuge, il partner, i figli fino a 21 anni, i genitori conviventi, altri familiari dipendenti per ragioni di disabilità. Coloro che provengono da Paesi diversi da UE, Schengen, Regno Unito e micro-Stati europei dovranno però osservare il periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni.

Dal 1 luglio è consentito inoltre l’ingresso in Italia per qualsiasi ragione a tutti i cittadini dell’Unione Europea, agli stranieri residenti in un Paese dell’Unione Europea e ai loro familiari conviventi di ogni nazionalità.

Dal 9 al 31 luglio è vietato l’ingresso in Italia alle persone che, nei 14 giorni antecedenti, hanno soggiornato o sono transitate per uno dei seguenti Paesi: Armenia, Bahrein, Bangladesh, Brasile, Bosnia Erzegovina, Cile, Kuwait, Macedonia del nord, Moldova, Oman, Panama, Perù, Repubblica dominicana. L’unica eccezione al divieto è ammessa per cittadini italiani, di uno Stato UE, di un paese parte dell’accordo di Schengen, del Regno Unito, di Andorra, del Principato di Monaco, della Repubblica di San Marino o dello Stato della Città del Vaticano e per i loro stretti familiari (discendenti e ascendenti conviventi, coniuge, parte di unione civile, partner stabile), a condizione che siano residenti anagraficamente in Italia da data anteriore al 9 luglio 2020.

QUARANTENA OBBLIGATORIA

Coloro che provengono da Paesi diversi da UE, Schengen, Regno Unito e micro-Stati europei devono osservare il periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni, a prescindere dalla motivazione del rientro.

Il modulo aggiornato di dichiarazione di viaggio da presentare alla compagnia aerea al momento dell’imbarco può essere scaricato qui.

Per ulteriori informazioni, si invita a consultare le risposte alle domande frequenti pubblicate sul portale del Ministero degli Esteri e della Cooperazione Internazionale al seguente link.


158